Allevamenti di lumache in Sicilia

6

(di Alessandro Iannelli)Un’attività in espansione in Sicilia è l’elicicoltura (dal greco “hélix”, spirale), ossia l’allevamento delle chiocciole, i molluschi gasteropodi comunemente chiamati lumache. Il termine “lumache” più propriamente indica le limacce e altre “lumache senza guscio”, anche se in ambito gastronomico è comunque di uso pressoché esclusivo il termine “lumache”.L’elicicoltura ha preso piede in Italia negli anni ’70 ed è stata per diverso tempo appannaggio di aziende settentrionali, per prendere poi gradualmente piede in altre realtà quali quella siciliana, che oggi conta circa 20 allevamenti. L’area mediterranea si presta infatti all’allevamento di alcune specie di chiocciole, come la Cornu Aspersum, la più allevata in Italia, e la piccola ma saporita Theba Pisana, molto diffusa nella nostra regione.

L’elicicoltura viene effettuata innanzitutto a scopo alimentare, anche per la preparazione di conserve (ragù, lumache lessate, etc.) e per il pregiato caviale (il cui costo si aggira sui 1600 euro al chilo), ma altresì per la realizzazione di prodotti nell’industria farmaceutica: cosmetici a base di bava di lumache e gastroprotettori (anch’essi a base di muco), prodotti che prendono spunto dall’esperienza del passato, quando in ambiente rurale venivano talvolta ingoiate chiocciole sgusciate vive come rimedio contro le gastriti e si osservava quanto fossero vellutate le mani di chi raccoglieva le chiocciole.

Tra le realtà siciliane merita menzione La Lumaca Madonita, sita in Campofelice di Roccella (PA), che con i suoi 2 ettari e una produzione di 15 tonnellate di chiocciole l’anno rappresenta l’azienda elicicola più grande d’Italia, presente quest’anno all’Expo milanese. L’azienda alleva varie specie di chiocciole, fra cui si segnalano per le caratteristiche organolettiche le piccole ma pregiate chiocciole Helix Aperta, le cosiddette “monacedde”; e, fra i “crastuni” (le chiocciole più grandi), l’Aspersa Muller Madonita, attualmente in fase di certificazione IGP.

Alessandro Iannelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui