La mela Limoncella, frutto in via di estinzione

203
mela-limoncella

Se dal vostro fruttivendolo di fiducia trovate delle piccole cassette piene di piccole mele gialle lucide immerse in striscioline di carta che proteggono i frutti dalle ammaccature, provatele; avete trovato, una vera rarità, un frutto in via di estinzione: la mela Limoncella.

La varietà adesso è maggiormente coltivata in Molise e Campania, ma l’areale di diffusione si estendeva e si estende ancor oggi nelle zone limitrofe dell’Abruzzo e della Puglia, e anche in Sicilia. Sulla sua origine gli studiosi nutrono pure numerosi dubbi non avendo accertato ancora se sia originaria della Sicilia o della Campania.

I piccoli frutti della mela Limoncella hanno polpa bianca, acidula, croccante, molto profumata e aromatica con una buona presenza di zuccheri e sono coperti da buccia sottile giallo verde piuttosto cerosa.

La mela Limoncella viene raccolta in ottobre e si conserva in fruttaio (o in cantina) per essere consumata da novembre a febbraio – marzo. Durante la conservazione le proprietà organolettiche dei frutti migliorano acquistando in fragranza e sapidità della polpa. Sono considerate ottime mele da sidro, ma possono ovviamente essere usate, oltre che per il consumo fresco, per tante altre preparazioni.

Secondo alcuni le mele sbucciate e libere da i semi, insaporite con cannella e chiodi di garofano, possono essere sciroppate nel vino. Di seguito abbiamo scelto per voi la ricetta di un dessert genuino di semplice realizzazione e allo stesso tempo raffinato.

Mousse di mele limoncelle

Ingredienti

700 gr di mele limoncellemousse-mela-limoncella
3 uova
1 limone
100 gr di zucchero
vaniglia
cannella
acini d’uva

Procedimento

Sbucciate le mele e privatele del torsolo. Cuocetele in una pentola con la vaniglia e la cannella e acqua a sufficienza per coprire gli ingredienti. Quando cotte, passatele al passaverdura, amalgamatele con lo zucchero e il succo di limone e fate raffreddare il tutto. Quando la purea è fredda, montate a neve gli albumi e incorporateli lentamente in essa. Fate freddare molto bene in frigo, quindi servite la mousse in coppette decorando con gli acini d’uva.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui