I carciofi alla contadina o a’ viddanedda, la semplicità nel piatto

32
carciofi-villanella

(di Alessia Boschetti) I carciofi alla contadina, o più semplicemente in dialetto siculo, “i cacocciuli a’viddanedda” sono veramente semplici da preparare. Si tratta dei carciofi cotti in umido in un pentolino, conditi semplicemente con alcuni spicchi d’aglio, un po’ di prezzemolo tritato, sale e pepe.

Il carciofo, o cacocciulo, è una pianta molto coltivata in Sicilia; celebri, per esempio, sono le produzioni di Cerda, paese del palermitano che basa la sua economia sulla coltivazione di questa pianta. Ma vengono coltivati in molte altre zone dell’Isola. Non si devono dimenticare quelli di Menfi o quelli di Niscemi e i particolari carciofi di Ramacca che ricordano il romanesco.
Ricco in ferro e povero in calorie, il carciofo rientra spesso tra i consigli nutrizionali anche per il buon contenuto di altri sali minerali e di alcune vitamine.
I carciofi alla contadina rappresentano un piatto con forti connotazioni tipiche, che ci racconta la cultura della di Sicilia e la sua storia alimentare.
Per chi predilige i piatti tradizionali, i carciofi alla contadina sono la soluzione giusta per vivere in maniera classica i sapori della stagione.

Cacocciuli a’viddanedda (carciofi alla contadina)

Ingredienti

8 carciofi di media grandezza

1 ciuffo di prezzemolo
2 spicchi d’aglio
Olio extravergine di oliva
Sale marino di Trapani
Pepe nero macinato al momento

Procedimento

Per preparare i carciofi alla viddanedda occorre innanzitutto lavare accuratamente gli ortaggi e pulirli eliminando le foglie esterne più dure. Tagliate le punte spinose dei carciofi, di modo che essi si riducano a circa la metà della loro lunghezza, quindi batteteli leggermente sul piano di lavoro, in modo che le foglie rimaste si allarghino, “ammuttunate”, cioè riempite, con un trito molto fine di aglio e prezzemolo i carciofi e infine disponeteli, in piedi, in un tegame capiente.
Spolverate i carciofi con un pizzico di sale e di pepe nero e aggiungete la quantità necessaria di olio extravergine di oliva. Versate infine un bicchiere d’acqua sul fondo del tegame e cuocete col coperchio a fiamma medio-bassa fino a quando i carciofi saranno teneri. In genere, una quarantina di minuti saranno più che sufficienti. A cottura ultimata, servite i carciofi caldi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui