Finocchietto selvatico, non solo nella pasta con le sarde

50
frittelle-al-finocchietto-selvatico

Il finocchietto selvatico, piccolo tesoro della flora spontanea della famiglia dell’ombrellifere, è pianta originaria dall’Asia minore. Diffuso nelle regioni mediterranee, possiede proprietà aromatiche assai forti: dolce, fresco, leggero, dal sapore intenso.

Ricorda il gusto di anice grazie all’anetolo, sostanza aromatica sfruttata per preparare liquori quali la Sambuca, il Pastis e l’Anisette in Francia, l’Anis in Spagna e l’Ouzo in Grecia.

È molto diffuso negli incolti italiani ed è molto apprezzato in Sicilia dove il suo utilizzo è molto frequente in cucina. Del finocchietto si utilizzano tutte le sue parti: i semi, le foglie e le radici. Molti preferiscono degustarlo semplicemente al limone essendo anche un alimento importante per il corpo ricco di vitamine A, B e C. I suoi semi li troviamo nei taralli, nel pane, nella salsiccia. Poi si usa per realizzare liquori, tisane e infusi, e insieme al pesce per preparare ottimi condimenti: tipico esempio è la pasta con sarde e finocchietti alla palermitana. La cucina siciliana è molto apprezzata perché con un solo ingrediente riesce sempre a sbizzarrirsi in ricette uniche e insostituibili. Questa volta vi proponiamo le gustosissime frittelle siciliane con finocchietto selvatico.

Frittelle al finocchietto selvatico

Ingredienti

  • 500 gr di finocchietto selvatico
  • 200 gr di farina
  • 2 uova fresche
  • qualche foglia di prezzemolo
  • olio per la frittura
  • latte q.b.
  • acqua q.b.
  • sale q.b.

Per prima cosa pulite e lavate il finocchio, togliete le parti dure e tritatelo finemente. Mettetelo in una ciotola, aggiungete le uova, la farina, il prezzemolo e un pò d’acqua se l’impasto è troppo duro. Amalgamate bene il tutto. Preparate una padella e riscaldate l’olio. Quando è ben caldo, versate il composto a cucchiaiate. Friggete fino a quando le frittelle non diventano dorate. Raccoglietele e mettetele in un piatto ricoperto di carta assorbente da cucina. Infine salate in superficie e servitele calde.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui