Le iris con crema di ricotta, il dolce risveglio siciliano

110
iris-fritta

La cucina siciliana, con la sua varietà di piatti tipici, non disdegna di essere presente anche all’inizio di giornata del siciliano. Si sta parlando dell’iris, della gustosa pasta morbida ripiena di ricotta di cui esistono due versioni: una al forno e una fritta.

Iris fritta
Iris fritte

È vero che la sua consistenza, il peso (circa 200 grammi) e la versione fritta possono turbare la mente (o meglio lo stomaco) di molti, ma la bontà e la dolcezza di questa “brioche” ripiena sono degne di una piccola tentazione.

La ricetta dell’iris è una delle poche di cui abbiamo l’origine esatta. Infatti le iris fanno la loro comparsa nel 1901, quando, durante la prima al teatro Massimo di Palermo dell’opera Iris di Mascagni, il pasticcere Antonino Lo Verso decise di creare un dolce per l’occasione. Il risultato fu un successo, tanto che il dolce divenne il preferito dalla prestigiosa clientela della sua pasticceria e che, di conseguenza, ne prese il nome.

Nella ricetta antica venivano utilizzati dei panini a forma di rosetta da cui si toglieva il tappo centrale e si riempiva con la ricotta. Dopo aver rimesso il tappo venivano passate prima nella farina, poi nell’uovo, nel pangrattato e infine fritte. La forma con il tappo viene poi ripresa nella versione al forno. Se volete velocizzare la preparazione potete usare dei panini al latte, oppure seguite la ricetta che segue.

Iris al forno
iris al forno

Iris con crema di ricotta

Ingredienti

Per la pasta:
500 gr di farina manitoba
250 ml di latte
150 gr di zucchero
50 gr di margarina
30 gr di lievito di birra
1 uovo
un pizzico di sale
acqua q.b.
Per il ripieno:
400 gr di ricotta di pecora
250 gr di zucchero
100 gr di cioccolato fondente a gocce
Per la panatura:
2 uova
pangrattato
un pizzico di sale
olio di semi per friggere

Lasciate la margarina fuori dal frigo ad ammorbidirsi. Setacciate la farina e aggiungete lo zucchero, il lievito e la margarina e iniziate a impastare. Aggiungete poi il latte tiepido e il sale. Quando il composto sarà omogeneo aggiungete l’uovo sbattuto e finite di impastare. Se è necessario unite un po’ d’acqua. Quando otterrete un impasto morbido e liscio, coprite e lasciate riposare al caldo per un paio d’ore.

Nel frattempo unite la ricotta lasciata a scolare a lungo con lo zucchero e le gocce di cioccolato. Passato il tempo, stendete l’impasto con lo spessore di circa 1 cm e formate 12 dischetti di 6/7 cm diametro l’uno. Su metà dei dischetti mettete la crema di ricotta e copriteli con l’altra metà. Formate una palla e lasciate lievitare per un’ora su un piano unto d’olio. Passatele prima nell’uovo sbattuto con un pizzico di sale e poi nel pangrattato. Friggere in abbondante olio finché non saranno dorate e lasciatele scolare sulla carta assorbente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui