Sciampagna brinda a Palermo a una nuova pasticceria con “tre torte”

9
Carmelo-Sciampagna

(di Angela Sciortino) In pochissimi anni è passato da una a tre torte. Per ottenere questo ambìto riconoscimento all’interno della guida del Gambero Rosso bisogna totalizzare almeno 90 punti su cento. E Carmelo Sciampagna, con la sua pasticceria di Marineo, c’è riuscito in tre anni.

La targa è stata consegnata la scorsa settimana. Per la Sicilia erano solo in tre a ricevere questo riconoscimento d’eccellenza: oltre a Carmelo Sciampagna, le tre torte sono state assegnate al Caffè Italia di Noto con il patron Corrado Assenza e all’Antico Caffè Spinnato di via Principe Belmonte a Palermo, ma in quest’ultimo caso il riconoscimento riguarda il pasticcere Maurizio Santin ma il locale se ne può fare sempre un vanto.

Il giovane di Marineo (38 anni) del resto porta un cognome che è ben augurante. Chi non pensa a quanti successi possono legarsi a uno che si chiama Sciampagna. È così che, infatti, viene definito (e anche scritto a volte), dai siciliani il raffinato vino francese dal fine perlage con cui amano brindare ai successi, alle ricorrenze e all’anno nuovo. Ma la fortuna non basta. Il pasticcere di Marineo, dopo il diploma all’Istituto Alberghiero Borsellino di Palermo e tante esperienze in giro per il mondo, si è fatto ossa robuste alla scuola del bresciano Iginio Massari, il Maestro dei Maestri Pasticceri italiani e fondatore dell’accademia dei Maestri Pasticceri Italiani. Tre anni e mezzo che hanno prima forgiato e poi perfezionato un’arte che il pasticcere di Marineo ha portato sempre nel cuore.

Quando mi ci portarono la prima volta, pensai che i miei amici fungaioli (la pasticceria è la nostra tappa obbligata prima della battuta della Ficuzza dove ci lasciamo tentare dai meravigliosi cornetti) mi stavano prendendo in giro e che quel cognome fosse in realtà un’inciuria. Presto ho capito, però. E quel cognome mi ha rimandato immediatamente con la mente a un brindisi.

Sarà presto “Sciampagna” quello che Carmelo stapperà per brindare con il suo staff tutto familiare e affiatatissimo (la sua mamma Angela non riesce a trattenere l’emozione quando parla dei successi, ma anche dei sacrifici del suo Carmelo) per l’apertura della nuova pasticceria di Palermo nella centralissima via Wagner. Aspettiamo tutti con ansia la prossima Pasqua. I lavori sono in corso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui