Dire detox in palermitano: insalata di finocchi e arance

4
insalata-detox-finocchi.-arance

(di Maria Grazia Sclafani) Se detox è diventato il vostro mantra e la tradizione siciliana può venire in vostro aiuto. Strano, ma vero, esiste un piatto leggero, gustoso, salutare e… non fritto. E anche low cost. Stiamo parlando dell’insalata di arance e finocchi.


Le vitamine e i sali minerali delle arance e dei finocchi vi faranno sentire “pieni”, alzandoci da tavola. Ma, stavolta, il nostro pieno sarà di energia e vitamine ad ogni pasto. E non di calorie!

Le verdure, in generale, hanno questo effetto riempitivo, ma il più delle volte tendiamo a consumare soprattutto quelle di colore verde tralasciando invece quelle di colore bianco. Eppure anche queste ultime sono essenziali per una dieta sana ed equilibrata.

Vediamo come preparare questa ricetta con tante golose varianti adatte a tutti.

Insalata di finocchi e arance

Ingredienti (per 4 persone)
2 finocchi
2 arance
sale e pepe qb
2 cucchiai di olio extravergine di oliva

Lavate e asciugare i finocchi mantenendo anche la parte esterna, tagliate le punte e poi fare a fettine sottili. Sbucciate un’arancia e separatene gli spicchi. In una ciotola riunite gli spicchi d’arancia e i finocchi tagliati sottilmente e poi condite con 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva, sale e pepe
Con olive nere “cunzate” (condite) o con le noci o i capperi, questa insalata detox si presta a numerose varianti che dipendono dal gusto di ognuno. Si può personalizzare in tanti modi a seconda dei commensali presenti in tavola.
La versione palermitana prevede l’aggiunta delle aringhe affumicate.
Le aringhe sono un pesce azzurro, mai particolarmente valutato dai mercati (per fortuna) e quindi di costo contenuto e alla portata praticamente di tutti, a dispetto del grande valore nutrizionale delle sue carni. Questa insalata ha un gusto particolare: il sapore “forte” dell’aringa viene ammorbidito dalla succosa e dolce arancia. E’ l’ideale anche come aperitivo “diverso” abbinato ad un vino bianco, manco a dirlo, made in Sicily.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui