La gelateria Cappadonia riapre a Palermo e raddoppia

15
Antonio Cappadonia

(di Angela Sciortino) Ha da poco ricevuto gli ambiti tre coni del Gambero Rosso. Ne va fiero: è il primo e l’unico in Sicilia ad avere ottenuto questo riconoscimento.

La fama di Antonio Cappadonia, grazie a un articolo di Mary Simeti Taylor pubblicato sul Financial Times, è arrivata oltre oceano. Ma non per questo, dopo quell’articolo pubblicato nel 2009 si è montato la testa. A Cerda è nato e li è rimasto, nella bottega di gelateria (con uno sguardo anche ai dolci della tradizione e alla pasticceria tout court) della piccola cittadina del palermitano famosa per la Targa Florio, dove tuttora risiede. 

A Palermo è sbarcato l’anno scorso dopo avere stretto un sodalizio societario con Donato Didonna, imprenditore pugliese che ama Palermo in mondo viscerale. A Palermo ha aperto, e oggi, 1° marzo, riaperto, la bottega di corso Vittorio Emanuele, 401; e pure oggi ha debuttato la seconda gelateria che porta il suo nome a piazzetta Bagnasco, 29 dalle parti del teatro Politeama.

Autodidatta per vocazione, le caratteristiche della sua produzione di gelatiere sono rimaste quelle di quando ha cominciato: tempi lunghi, ricerca ossessiva della materia prima, rapporto diretto con i produttori, studio costante del gusto e del suo sviluppo, tecnica curata in ogni dettaglio. Nulla è legato al caso a cominciare dalle materie prime selezionate con cura maniacale: i limoni della sua amata cittadina natia, la manna di Castelbuono, i gelsi di Monreale, le fragole di Marsala, il cantalupo di Licata, i fichidindia di San Cono, i petali di rosa di Damasco provenienti dal monastero della comunità di Bose (Biella).

Per Cappadonia il gelato non si fa, si crea. Ed è un mix di “artigianalità, cultura, passione”. «Per questo – afferma – continuo a studiare, ricercare, mettermi alla prova, esplorare luoghi e persone». La materia prima è poi una religione: «Oltre a rispettarla, la scelgo in modo da dare dignità ai produttori e aspetto i tempi giusti imposti dalla natura. Non ci saranno mai gelati fuori stagione tra le mie produzioni».

Alla domanda se per fare un buon gelato conta di più la maestria e la competenza del gelatiere, la qualità degli ingredienti o quanto sia sofisticato il macchinario che viene utilizzato, Cappadonia ci pensa un po’, ma dopo afferma con sicurezza: «Tutti e tre gli elementi hanno pari importanza. Basta l’assenza di uno perché il prodotto finale non riesca a raggiungere qualità apprezzabili». Nel suo lungo curriculum tanti i premi e i riconoscimenti e pure l’ispirazione fornita a un costruttore di attrezzature per gelateria di Principessa, un mantecatore rivoluzionario che imita la lavorazione del gelato a mano, come un tempo si faceva utilizzando la neve estratta dalla neviera di Piano Principessa (da cui il nome), che si trova vicino Piano Battaglia nelle alte Madonie.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui