E…state in salute. Consigli per convivere con la canicola estiva

0
canicola estiva

(di Maria Grazia Sclafani) Quando la canicola asfissiante dell’estate sale e i gli anticicloni africani prendono d’assedio la città, si suda al solo pensiero di accendere un fornello e l’idea di usare il forno pesa quanto una minaccia. Per non parlare della fastidiosa sensazione di gonfiore e di pesantezza, soprattutto ai piedi e alle caviglie, che accompagna le nostre giornate.

“Fa’ che il cibo sia la tua medicina”. Ippocrate, il padre della medicina circa 2500 anni fa, sintetizzava il suo pensiero sulla relazione tra ciò che mangiamo e la nostra salute. Fortunatamente, esistono alcuni alimenti che consentono di mantenere il gonfiore al minimo e alcuni piccoli accorgimenti che ci aiutano a superare indenni la canicola estiva. Scopriamo insieme quali sono.

Non mangiate in fretta. È un’abitudine davvero sbagliata. Lo facciamo anche e soprattutto d’inverno, quando impegni e lavoro ci costringono a mangiare in scrivania davanti al pc o in piedi, con lo sguardo alle lancette dell’orologio. Siete in vacanza: rilassatevi e masticate bene il cibo. La prima digestione avviene in bocca. Insieme al cibo, ingoierete meno aria. Il vostro stomaco vi ringrazierà e la prova costume vi farà meno paura.

Bevete molta acqua. È fondamentale. Sicuramente ve lo hanno ripetuto mille volte. E mille e una volta vi siete scordati di farlo. Fatelo. Bere acqua è il drenante naturale più economico. Non vi si chiede di diventare dei cammelli: bastano appena 8 bicchieri d’acqua lontano dai pasti. Se si beve molto nel corso della giornata, si stimola la diuresi. In questo modo vengono espulse le scorie dal nostro corpo e si apparirà più snelli.

Eliminate gli zuccheri. O riducete di molto i cibi ricchi di zucchero e tutti gli alimenti ad alto contenuto calorico. Sbizzarritevi con la frutta, specialmente quella ricca di acqua come l’anguria, le pesche, il melone bianco e i fichi d’india. E gli ortaggi, soprattutto le lattughe, i cetrioli, le melenzane, i peperoni e le zucchine. La cucina siciliana è ricca di ricette che contengono questi alimenti. E’ un’occasione per riscoprirle.

Evitate la caffeina. Le bevande che ne contengono molta costringono il corpo a espellere liquidi importanti e favoriscono il gonfiore. Evitate soprattutto il caffè. È difficile, soprattutto se il caffè è stato il vostro carburante durante l’inverno. Potete sostituirli con infusioni preparate con acqua e frutta fresca. Potete assumere nel corso della giornata qualche tazza di tè verde freddo, ancor meglio se deteinato. Agisce come drenante e purificatore. Oppure una tisana fredda allo zenzero, che tra le sue mille proprietà, è in grado di eliminare i gas intestinali.

Assumete poco sale (meno di un cucchiaino al giorno). Una dieta povera di sodio contribuisce a ridurre il gonfiore causato dal caldo. Il sale induce, invece, il corpo a gonfiarsi. Evitate gli alimenti che ne se sono ricchi, come patatine e noccioline. Quando cucinate cercate di limitare l’uso del sale e non aggiungetene altro una volta a tavola. Evitate gli alimenti confezionati, gli insaccati, i cibi surgelati e in scatola che contengono molto sale o il glutammato di sodio. Quando andate al supermercato o, vista la bella stagione al mercato, date sempre la precedenza agli alimenti freschi e di stagione.

Insalate. Divertitevi a mescolare verdure invitanti e colorate che danno il pieno di vitamine e sali minerali per superare la giornata, soprattutto la canicola estiva incombe come un macigno. Aggiungendo poi tonno, uova o formaggio e accompagnando il tutto con una fetta di pane, ecco pronto un pasto gradevole ma completo ed equilibrato.

Scoprite l’azzurro del pesce. Se avete problemi di circolazione e volete migliorare la vostra condizione, potete pensare di affidarvi ad una dieta a base di pesce azzurro. Sarde, sardine, merluzzi, alici e spatole. Il nostro mare ne è pieno. Vengono definiti poveri, in quanto sono di facile reperibilità nei mercati, come nei negozi. Sono ricchi di Omega3 e di calcio. Avete idea di quante ricette made in Sicily si possono preparare con il pesce azzurro? Scopritele, vi divertirete!

Viaggiate a tavola. Mango, avocado e papaya sono frutti esotici. Solo il nominarli ci porta con la mente in terre lontane. Ricchi di grassi “buoni”, sono ritenuti benefici per favorire l’assorbimento delle vitamine che contengono, come la vitamina E. Il loro contenuto di grassi insaturi ed oli permette di utilizzare la polpa per ottenere trattamenti di bellezza nutrienti per la pelle e per i capelli. Si tratta di frutti molto versatili in cucina, che possono essere impiegati in numerose ricette naturali. Altamente digeribili e ricchi di sali minerali, sono in grado di fornire la giusta energia nel corso della giornata, in particolare nel caso in cui vengano consumati a colazione.