Erbe e frutti selvatici dei Nebrodi. Riconoscerli, cucinarli e metterli in tavola

1
erbe spontanee commestibili

(di Redazione) Per i tipi di Youcanprint, e scritto da Pietro Ficarra e Stefania Scaccabarozzi, è da poco uscito il volume “Dalla natura alla tavola. Buoni da mangiare: erbe e frutti selvatici delle vallate dei Nebrodi”

La guida riguarda il territorio dei Nebrodi – isola nell’Isola – in Sicilia, per un aspetto particolare che negli ultimi tempi interessa un numero crescente di persone, ossia la raccolta e l’uso in cucina di erbe e frutti selvatici.

Gli autori che hanno scritto anche la “Guida alla cucina selvatica quotidiana per tutti”, hanno arricchito il volume con numerose schede delle specie più interessanti e una ricca proposta di ricette.

Il volume si rivolge agli abitanti del territorio dei Nebrodi ma è utilizzabile in tutta la Sicilia e anche in altre aree del Sud. Può tornare utile non solo agli appassionati del naturale o della cucina creativa, ma anche a coloro che risiedono nell’areale nebroideo e sono interessati ad attività divulgative, di educazione ambientale o a un particolare sviluppo turistico, e non solo di prossimità. Serve in ogni caso a chi ama la cucina di ogni giorno, nelle forme non necessariamente “impegnate”, e anche a taluni dei più avveduti ristoratori per proporre dei menù a base di erbe spontanee.

Gli autori si occupano da diversi anni del tema delle piante spontanee di uso alimentare, e lo fanno soprattutto tramite il sito www.piantespontaneeincucina.info, ormai da un decennio attivo sul web. Al tema si approcciano a partire dalla loro formazione, storica e antropologica, applicata alla cultura alimentare e allo specifico che li interessa, con l’attenzione rivolta sia agli usi culinari e gastronomici delle diverse tradizioni italiane che guardano al passato, sia a quanto di nuovo accade oggigiorno nel consumo del selvatico. 

Il sito, oltre a curare gli aspetti etnobotanici e culinari, è ricco di articoli, ricette, bibliografie e molte altre informazioni sul tema, a cominciare dalle iniziative gastronomiche e da quelle formative in tutta Italia. Gli autori svolgono sul tema collaborazioni e ricerche, corsi sul riconoscimento e l’utilizzo in cucina delle specie e consulenze nell’ambito della ristorazione, della promozione del territorio e del turismo e dell’educazione ambientale, non trascurando gli aspetti che interessano le istituzioni della cultura e le buone pratiche ecosostenibili.

Il libro, 288 pagine al prezzo di 34 euro, è disponibile presso l’editore e tutti i principali stores multimediali, oltre che presso edicole e librerie che ne hanno fatto richiesta.