Planeta tra i cinquanta marchi più apprezzati secondo Drinks International

16
Planeta

Planeta entra per la prima volta a far parte dell’autorevole classifica “The World’s Most Admired Wine Brands 2020” del magazine britannico Drinks International, posizionandosi al 39° posto nel mondo, al 5° tra le cantine italiane presenti nella graduatoria. 

Giunta al suo decimo anniversario, la prestigiosa classifica realizzata in collaborazione con Wine Intelligence, stila l’elenco dei 50 brand di vino più ammirati nei cinque continenti. 

Ogni anno, i marchi più iconici vengono selezionati dai membri della “Drinks International’s Academy” che coinvolge oltre 200 drink buyer ed esperti del settore provenienti da 48 Paesi. Le case vinicole vengono giudicate sulla base di parametri specifici, quali la qualità (“costante” o “in miglioramento”) e la capacità dei vini di esprimere gli aspetti unici del terroir, le attività di marketing e le risposte alle aspettative e ai gusti del pubblico e degli addetti ai lavori. 

La classifica, che include 10 Paesi in tutto il mondo, vede Francia, Italia e Usa in testa con 7 brand ciascuno, seguiti da Spagna e Cile rappresentati da sei marchi ciascuno.

«Dedichiamo questo prestigioso riconoscimento a tutta la squadra Planeta che, sia in vigna che in cantina, così come in giro per l’Italia e per il mondo, ha lavorato con passione per raggiungere tale obbiettivo», affermano Francesca, Alessio e Santi.

Con 394 ettari, sei cantine dislocate in cinque territori (Menfi, Vittoria, Noto, Etna e Capo Milazzo) e 30 etichette prodotte, Planeta rappresenta una delle realtà vitivinicole e imprenditoriali più importanti di tutta la Sicilia, con alle spalle diciassette generazioni in agricoltura. Il progetto dell’azienda di famiglia è cominciato nel 1985, e nel 1995 sono nati i primi vini. L’obiettivo è stato, fin dall’inizio dell’attività, quello di valorizzare specificamente ciascun territorio, attraverso un grande lavoro di ricerca, sia sui vitigni locali – al fine di valorizzarli e renderli rinomati in tutto il mondo – sia sui vitigni internazionali, interpretandoli e adattandoli alle peculiarità di ogni terroir.