In “Sicilia d’A-mare” la cucina pensata da Costa per le eccellenze dell’Isola

72
Giuseppe Costa

Greci, Saraceni, Normanni, Spagnoli. Degli ingredienti e degli abbinamenti usati in cucina da questi quattro popoli che hanno dominato la Sicilia è tutta impregnata la gastronomia dell’Isola: da quella tradizionale a quella ricercata dei cuochi stellati. Lo sa bene Giuseppe Costa, una stella Michelin, che nel suo ristorante “Il Bavaglino” a Terrasini in provincia di Palermo ha sperimentato e messo a punto piatti di grande appeal e capaci di vibranti suggestioni. Gli stessi che ha raccolto di recente nel volume “Sicilia d’A-mare” edito da Trentaeditore. 

Giuseppe Costa
Lo chef stellato Giuseppe Costa con il suo libro “Sicilia d’A-mare”

Di suggestioni Costa è maestro perchè ha studiato a lungo come provocarle. «Non basta cucinare e combinare bene gli ingredienti per stupire e ammaliare un cliente seduto al tavolo del ristorante. Con ogni piatto bisogna sapere creare atmosfere, suscitare sensazioni, provocare emozioni, evocare ricordi: solo così si rimane nella memoria di chi viene a trovarci», afferma lo chef nativo di Montelepre, un paesino a pochi chilometri dal capoluogo siciliano ancora famoso per avere dato i natali al bandito Giuliano.

Le immagini raccolte in Sicilia d’A-mare mostrano capolavori d’impiattamento. Dalla lettura delle ricette (non tutte di facile riproducibilità a casa) si capisce poi che la cucina di Costa è come lui stesso afferma un “cucina pensata” per esaltare la ricchezza del territorio, la varietà delle materie prime. In questo personale progetto per la sua terra, alla fantasia e alla creatività aggiunge la ricerca dell’eccellenza in ogni minimo elemento che compone il piatto. Nell’individuazione delle migliori espressioni della materia prima hanno un ruolo fondamentale i piccoli produttori locali, i veri custodi di una identità territoriale antica. 

Il leit motiv della cucina di Giuseppe Costa è sempre la tradizione, ma i piatti della memoria sono reinterpretati con tecniche moderne e criteri all’avanguardia. 

Ciò che è stato affidato alla stampa però non può mettere in evidenza quello che secondo lo chef monteleprino è la caratteristica delle sue preparazioni. «Nei miei piatti – spiega Costa – prima si sente il profumo, poi il sapore. Le spezie non possono mai mancare, come le cotture lente dove anice stellato e cardamomo avvolgono e inebriano». Gli odori, così come i sapori, purtroppo, non possono essere affidati alla stampa. Dunque non restano che due possibilità: andare a trovare Giuseppe Costa a “Il Bavaglino” o cimentarci in cucina tentando di riprodurre le sue elaborate ricette seguendo passo passo le istruzioni. Delle due, ça va sans dire, meglio la prima.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui