Arancia Rossa di Sicilia Igp, inizia la stagione con omaggio all’Etna

2
Arancia Rossa di Sicilia Igp sull'Etna

La rossa di Sicilia, conosciuta in tutto il mondo per le proprietà organolettiche e nutraceutiche uniche legate al positivo influsso dell’Etna sulla maturazione dei frutti arriverà su banchi dei fruttivendoli, su quelli della grande distribuzione organizzata e sulle tavole degli italiani già a Natale. Parte, infatti, oggi, 19 dicembre, la campagna di commercializzazione dell’Arancia Rossa di Sicilia Igp.

Per celebrare l’avvio della stagione dell’Arancia Rossa, Gerardo Diana, il presidente del Consorzio che ne garantisce la tutela, ha effettuato una ascesa alle quote sommitali dell’Etna. Diana è partito a piedi dal rifugio Sapienza (1910 mt slm), insieme al cane Trilly, al fotoamatore Domenico Cicala e con un piccolo carico di arance moro, dalla polpa color rosso lava, raggiungendo le quote sommitali affrontando un dislivello positivo di 900 metri.

Un omaggio al vulcano

«Citiamo spessissimo l’Etna come elemento naturale indispensabile alla maturazione dell’Arancia Rossa di Sicilia Igp e quest’anno ho voluto rendere omaggio, a nome dell’intero Consorzio, al nostro grande vulcano che con le sue escursioni termiche repentine e mai preventivabili riesce a dar colore alle arance coltivate con cura e amore lungo tre stagioni», racconta Diana.

«Lavoriamo nove mesi per arrivare ad avere un frutto perfetto – aggiunge Diana – ma senza l’aiuto della natura tutto il nostro impegno sarebbe vano. Così con questo gesto simbolico, che ci piacerebbe diventasse una tradizione, ho inteso ringraziare l’Etna e ricambiare il suo positivo influsso diffondendo le immagini della sua ineguagliabile bellezza».

Il presidente del Consorzio di tutela dell’Arancia Rossa di Sicilia Igp, Gerardo Diana, sulla cima dell’Etna con le prime arance della campagna

La stagione dell’Arancia Rossa di Sicilia Igp

La stagione dell’Arancia Rossa di Sicilia Igp, da quest’anno nella top 5 dei prodotti ortofrutticoli freschi più diffusi e apprezzati in Italia, avviata oggi con la commercializzazione dell’arancia moro entrerà nel vivo a gennaio inoltrato, con l’arrivo del tarocco rosso e si concluderà in primavera con la dolcissima arancia sanguinello.

I numeri del Consorzio

Al consorzio sono iscritti sono più di 400 produttori, 62 confezionatori e 3 intermediari. Le etichette autorizzate sono 270. A fronte di questi numeri, nella campagna 2021/22 il prodotto certificato e immesso in vendita ammonta a 30 mila tonnellate di Arancia Rossa di Sicilia IGP, per un valore di 40 milioni di euro. Un valore economico importante per un prodotto che è presente sugli scaffali della GDO solo per quattro mesi all’anno. Complessivamente gli ettari registrati sono 6mila.

Il Consorzio parla ad agricoltori ed imprenditori lungimiranti, che riconoscono l’importanza della territorialità e del seguire un disciplinare di produzione su come produrre l’Arancia Rossa di Sicilia Igp. L’obiettivo è guardare anche oltre il presente e puntare all’agricoltura e allo sviluppo duraturi.